Valentin Pivovarov

basso

Valentin Pivovarov è nato a Kiev in Ucraina, dove ha studiato canto.
Ha partecipato a numerosi concorsi internazionali, conseguendo sempre lusinghieri successi; ha vinto tra l'altro il premio Glinka, il secondo premio al concorso Čajkovskij di Mosca e ha anche ottenuto la medaglia d'oro al concorso Voci verdiane di Busseto.
Dopo essere stato solista del teatro Taras Ševčenko, ha interpretato i più grandi ruoli del suo repertorio al Teatro di Stato di Kiev. Valentin Pivovarov si è esibito nei più importanti teatri come: l’Opera di Vienna, la Staatsoper unter den Linden di Berlino, il Teatro di St.Gallen (I lombardi alla prima crociata e Attila, Nabucco e Rigoletto), i Teatri di Zagabria, Belgrado, Budapest, Lisbona, Zurigo, Dortmund, il Festival di Wexford (Jakobinen di Dvoràk), San Paolo (dove ricordiamo la sua interpretazione di
Zaccaria in Nabucco).
In Italia è stato ospite del Teatro Verdi di Trieste e del Teatro La Fenice a Venezia (dove ha interpretato
Gremin nell'Evgenij Onegin di Čajkovskij), nonchè del Teatro Comunale di Bologna come Renè in Jolanta di Čajkovskij, sotto la direzione di Vladimir Jurowski. È stato ospite dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma, per il ruolo del Commendatore in Don Giovanni.
La sua voce particolarmente duttile gli permette un repertorio che comprende ruoli dal carattere più vasto, come per esempio i grandi ruoli verdiani nel Don Carlos (Filippo II e Inquisitore), Aida (Ramfis), I lombardi alla Prima Crociata (Pagano), Nabucco (Zaccaria) uniti a alcuni ruoli rossiniani, pucciniani, donizettiani e mozartiani: Il barbiere di Siviglia (Don Basilio), La Bohème (Colline), Lucia di Lammermoor (Raimondo) e Don Giovanni (Commendatore).
Il repertorio russo gli è particolarmente congeniale e infatti ha cantato tra l'altro i ruoli di
Boris e Pimen nel Boris Godunov di Mussorgskij, Ivan Chovanskij ne La Chovancina di Mussorgskij, Galickij e Končak nel Principe Igor di Borodin.
Tra i suoi impegni più recenti ricordiamo
Gremin nell'Evgenij Onegin in una produzione del Teatro de la Maestranza a Siviglia.
Valentin Pivovarov svolge anche un’intensa attività concertistica; il suo repertorio comprende il Requiem di Verdi (che ha cantato alla Salle Pleyel di Parigi e al Teatro Verdi di Trieste, riscuotendo consensi unanimi), lo Stabat Mater e la Petite Messe Solennelle di Rossini, il Requiem di Mozart e la Sinfonia n. 9 di Beethoven.